Trattamento delle cicatrici ipotrofiche o introflesse (revisione chirurgica/lipofilling)

Cicatrici ipotrofiche

Cicatrice da appendicectomia complicata con infezione.
Unico trattamento in anestesia locale con revisione chirurgica e risutura  estetica.
Trattamento ambulatoriale.
Vedi altre gallery
Anestesia
Locale/Sedazione
Durata
30/120 minuti
Ospedalizzazione
Ambulatoriale/Day Hospital/Ricovero ordinario
Riposo
15 giorni
Controlli
In relazione all’intervento
Effetti
Immediati
Prezzo
Da 400 a 3000 euro
Vantaggi
Ripristino di una cicatrice lineare e piana.
Cosa è compreso nel prezzo
• quota equipe chirurgica 
• quota equipe anestesista
• quota sala operatoria 
• materiale e personale di sala 
• degenza 
• visite e controlli post operatori
Indicazioni
Cicatrizzazioni anomale possono sottintendere sindromi quali sindrome di Marfan o collagenopatie, diabete, o semplicemente essere il risultato di una sutura non adeguata.

Le cicatrici ipotrofiche o introflesse, o avvallate, cioè con aderenze che le rendono infossate rispetto la cute circostante, possono beneficiare di revisione chirurgica e sutura intradermica e in aggiunta/o in sostituzione, dell’ autotrapianto adiposo (lipofilling).
L’intervento
Revisione cicatriziale

La revisione cicatriziale consiste nell’asportazione della vecchia cicatrice liberando le aderenze che si sono venute a creare con i piani profondi e risolvendo l’introflessione; i margini cutanei circostanti vengono resi più morbidi al fine di diminuire la tensione e la sutura fatta per strati scaricando la tensione sul piano profondo. La sutura cutanea intradermica permette di non lasciare segni esterni.
 
 
Lipofilling

Nel caso che l’introflessione non venga risolta completamente può essere utile l’autotrapianto adiposo, eseguito nel medesimo intervento, col fine di aumentare il volume al di sotto della cicatrice. L’autotrapianto adiposo senza revisione cicatriziale permetterebbe la risoluzione dell’introflessione, ma il mantenimento della medesima cute alterata soprastante.

Il lipofilling è il tipico intervento senza cicatrici. Le sedi dove prelevare il tessuto adiposo si valutano assieme, ma qualunque sito donatore, dalla regione addominale, fianchi, cosce, interno ginocchia, è corretto. Il prelievo (LIPO) si esegue con piccole cannule che consentono il recupero del tessuto adiposo. Seguono decantazione e centrifugazione dello stesso per purificarlo, rimuovendone il contenuto sieroso. La seconda parte (FILLING) si esegue infiltrando il tessuto adiposo e correggendo l’avvallamento. L’effetto di aumento volumetrico dovuto al tessuto adiposo si somma all’effetto biorivitalizzante delle cellule staminali contenute al loro interno, senza alcuna manipolazione.
Il ritorno a casa
Il dolore a oggi, non costituisce un problema, ma viene controllato adeguatamente nei primi giorni con i comuni antidolorifici.
Risultati attesi
Una percentuale variabile del tessuto adiposo iniettato si riassorbe; la variabilità dipende dalla tecnica, dell’età, dal fumo e può raggiungere fino al 40 %. Per questo motivo si impiega più tessuto adiposo rispetto al risultato che si vuole ottenere. Mi riservo di essere chiaro sui risultati, che si stabilizzano completamente non prima di 30-40 giorni. La quantità di tessuto adiposo che attecchisce sopravviverà poi in modo definitivo.
 
 
Falsi miti

Le cicatrici si stabilizzano intorno ai 10-12 mesi; inizialmente si presentano con un colore rossastro che diminuisce di tonalità nei primi mesi. Qualsiasi cicatrice avvallata può essere migliorata, la percentuale di miglioramento dipende però da molteplici fattori.
Possibili complicanze
Ritardo di cicatrizzazione o recidiva della cicatrice ipotrofica.
PreviousNext
Per info e appuntamenti
329.2552897
Nome e Cognome E-mail Telefono A che ora possiamo contattarti ? Seleziona il trattamento Messaggio I tuoi dati saranno trattati in base alla legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)